Il mio blogIl mio blog
Forgot password?

Condizioni

Condizioni generali del contratto di vendita*

ART.1 PREMESSA NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO: Premesso che il Decreto Legislativo n.111 del 17.3.1995 di attuazione della Direttiva 90/314/CE, dispone, a protezione del consumatore, quanto segue: a) l’organizzatore ed il venditore del pacchetto turistico, a cui il consumatore si rivolge, devono essere in possesso dell’autorizzazione amministrativa all’espletamento delle loro attività (art. 3/1, lettera a, D. Lgs. 111/95), b) il contratto di vendita di pacchetti turistici deve essere redatto in forma scritta in termini chiari e precisi, ed il Consumatore ha diritto di ricevere copia del contratto stipulato, sottoscritto o timbrato dall’organizzatore o venditore (art.6 D. Lgs. 111/95), che è documento indispensabile per accedere eventualmente al Fondo di Garanzia di cui all’art.19 delle presenti condizioni generali di contratto, c) la nozione di pacchetto turistico (art.2 D. Lgs. 111/95) è la seguente: “I pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le vacanze ed i circuiti «tutto compreso » risultanti dalla prefissata combinazione di almeno due degli elementi di seguito indicati, venduti od offerti in vendita ad un prezzo forfetario, e di durata superiore alle ventiquattro ore, ovvero estendentisi per un periodo di tempo comprendente almeno una notte: 1) trasporto, 2) alloggio, 3) servizi turistici non accessori al trasporto o all’alloggio…(omissis)… che costituiscano parte significativa del «pacchetto turistico»,

ART.2 FONTI LEGISLATIVE: Oltre che dalle presenti condizioni generali, il contratto di vendita di pacchetto turistico è regolato anche da tutte le clausole e dalle comunicazioni contenute nella documentazione di viaggio consegnata al cliente consumatore. Il predetto contratto, sia che abbia ad oggetto servizi da fornire in territorio nazionale che estero, sarà altresì disciplinato dalle disposizioni – in quanto applicabili – della Legge 27/12/1977 n.1084 di ratifica ed esecuzione della Convenzione Internazionale relativa al contratto di viaggio (CCV) sottoscritta a Bruxelles il 23.4.1970, nonché dal sopraccitato Decreto Legislativo 17.3.1995 n.111. Le indicazioni relative al pacchetto turistico non contenute nei documenti contrattuali, negli opuscoli, ovvero in altri mezzi di comunicazione, saranno fornite dall’organizzatore, in regolare adempimento degli obblighi previsti a proprio carico dal Decreto Legislativo n.111/95, in tempo utile prima dell’inizio del viaggio.

ART.3 PRENOTAZIONI: La domanda di prenotazione dovrà essere redatta su apposito modulo contrattuale, se del caso elettronico, compilato in ogni sua parte e sottoscritto dal cliente, che ne riceverà copia. L’accettazione delle prenotazioni è subordinata alla disponibilità dei posti e si intende perfezionata, con conseguente conclusione del contratto, solo nel momento in cui l’organizzatore invierà relativa conferma, anche a mezzo sistema telematico, al cliente consumatore presso l’agenzia di viaggi venditrice. ART. 4 PAGAMENTI Al momento della prenotazione dovrà essere versato un acconto del 30%, il saldo almeno 30 giorni prima della data di partenza. Il mancato pagamento delle somma di cui sopra, costituisce clausola risolutiva espressa del contratto, tale da determinare da parte dell’agenzia intermediaria e/o dell’organizzatore la risoluzione di diritto. Resta inteso che nei casi di applicazione delle penali per il recesso del consumatore, ai sensi del successivo art.7, l’organizzatore è espressamente autorizzato a trattenere le somme ricevute come acconti a valere sulla penale ad esso spettante.

ART.5 RECESSO DEL CLIENTE – PENALI: Il consumatore può recedere dal contratto, senza corrispondere alcunché a titolo di penale, nelle seguenti ipotesi: modificazione in modo significativo di uno o più elementi del contratto oggettivamente configurabili come fondamentali ai fini della fruizione del pacchetto turistico considerato nel suo complesso, e proposta dall’organizzatore dopo la conclusione del contratto stesso, ma prima della partenza, e non accettata dal cliente consumatore. Al cliente consumatore che receda dal contratto prima della partenza al di fuori della ipotesi elencata verrà addebitato, indipendentemente dal pagamento dell’acconto di cui all’art. 5, 1° comma, oltre alla garanzia Annullamento, l’importo della penale nella misura di seguito indicata, calcolata in percentuale sulla quota di partecipazione in base a quanti giorni prima dell’inizio del viaggio è avvenuto l’annullamento: – da 28 giorni a 15 giorni prima della partenza: 10% – da 14 giorni a 4 giorni prima della partenza: 50% – da 3 giorni fino al giorno della partenza: 70% Resta esclusa dall’applicazione delle penalità la Garanzia Annullamento, che non verrà, in ogni caso, addebitata. Nessun rimborso spetta a chi non si presenterà alla partenza del viaggio, a chi rinuncerà al viaggio o soggiorno iniziato, o a chi utilizzerà parzialmente il viaggio e/o i servizi prenotati, e a chi non potrà effettuare il viaggio per mancanza, invalidità o insufficienza dei previsti documenti personali. Ai fini di quanto previsto dal presente articolo saranno ritenute valide solamente le comunicazioni di rinuncia o cambiamento effettuate con raccomandata con avviso di ricevimento, ed il timbro postale farà fede in ordine alla valutazione dei termini. Gli eventuali rimborsi saranno corrisposti mediante assegno soltanto a nome dell’intestatario della prenotazione.

ART.6 OBBLIGHI DEI PARTECIPANTI: I partecipanti dovranno essere muniti di documento d’identità valido, inoltre, dovranno attenersi strettamente all’osservanza delle regole di normale prudenza e diligenza, nonché ai regolamenti ed alle disposizioni amministrative o legislative relative al pacchetto turistico. I partecipanti saranno chiamati a rispondere di tutti i danni che l’organizzatore dovesse subire a causa della loro inadempienza alle sopra menzionate obbligazioni.

ART.7 RECLAMI E DENUNCE: Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dall’art.19 D. Lgs 111/95, ogni mancanza nell’esecuzione del contratto deve essere contestata dal consumatore senza ritardo affinché l’organizzatore, il suo rappresentante locale o l’accompagnatore vi pongano tempestivamente rimedio. Il consumatore può altresì sporgere reclamo mediante l’invio di una raccomandata con avviso di ricevimento, all’organizzatore o al venditore, entro e non oltre dieci giorni lavorativi dalla data del rientro presso la località di partenza.

Art.8 – GARANZIA ANNULLAMENTO: La Garanzia Annullamento copre le penali di annullamento fino al giorno lavorativo prima della partenza. Dovute in seguito ad uno dei seguenti motivi documentati, involontari e non prevedibili al momento della prenotazione: Malattia grave improvvisa, infortunio grave o decesso del Garantito, del coniuge/convivente, figli, fratelli, sorelle, genitori, suoceri. In caso di annullamento avvisare immediatamente l’Agenzia di Viaggio dove è stata prenotata la vacanza, e comunque scrivere, entro 5 giorni, all’Organizzatore GRUPPO VIAGGI S.r.l. a mezzo posta con raccomandata/ricevuta di ritorno indirizzata a “Gruppo Viaggi srl” p.zza Caduti 6 Luglio, 2/a – 24044 Dalmine (BG) o via fax allo 035.61 09 47. Il Garantito dovrà fornire tutte le informazioni e mettere a disposizione tutti i giustificativi necessari.

SCHEDA TECNICA: Organizzazione tecnica Gruppo Viaggi s.r.l. di Dalmine. Iscrizione al registro delle imprese di Bergamo n.02987880164 Aut. Reg. Decr. n. 1/ADV del 08/01/2003 Polizza n. 85722232 presso Lloyd Adriatica Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’art.16 della Legge 3.8.1998 n.269: La Legge Italiana punisce con la pena della reclusione i reati inerenti alla prostituzione e/o alla pornografia minorile , anche se gli stessi sono commessi all’estero.

* Le condizioni di contratto si riferiscono ai pacchetti turistici organizzati da Gruppo Viaggi S.r.l. – Per le proposte e i pacchetti turistici di altri Tour Operator, si fa riferimento alle condizioni di contratto dei relativi Tour Operator.